...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


martedì 20 febbraio 2018

tnt

a differenza degli esseri umani, che tendono ad indovinare più che realmente comprendere, cioè ad interpretare quel che stai dicendo, più che la fantasia usa le possibilità di combinazioni possibili per  una sequenza di tasti.
in base ad una programmazione matematica. 

ma ha gravi lacune ..presenta dei casi macroscopici di ignoranza....
direi che è una cultura tutta da formare, da indirizzare. non ce l'ha la cultura. la tua, quella personale non ce l'ha. ha una cultura di base con un certo numero di termini lessicali che gli hanno inserito...

però fa tesoro degli insegnamenti. 
ti ripropone ciò che hai già scritto. anche se è un errore. 
te lo ripropone perché accetta la tua versione, i tuoi errori, e li considera legge, verbo.

la cosa che meno sopporto è la riproposizione di questi errori...e l'insistenza con cui insiste a scrivere una versione della parola che non conosce.





giovedì 15 febbraio 2018

brainstorming

non so se sapete che cosa significa questo termine.

una tempesta di cervelli, di intelligenze, riunite insieme perché tutte assieme più capaci di poter definire e risolvere  un problema.

ebbene qui sono da due giorni in assemblea / brainstorming. per definire i criteri di inserimento delle comunicazioni emesse da pubblicare sul sito - sempre in area riservata.

è inutile devono perdere tempo ad ogni costo !


e segretezza. e non circolazione dei saperi. esiziale qui a quanto pare.


bah. 

mi disgusta tutto ciò. io sono un'efficientista poi. e rapida. nelle scelte e nelle decisioni. tutto mi è abbastanza chiaro. qui no, naturalmente.

puerilità della femminilità

...spesso mi sono convinta che farlo venire mi dava accesso al suo cuore...


cito antonypoe e sulla scia del suo post ne faccio uno simile ma rovesciato.

è andata spesso così. 

non so se sia puerilità della femminilità quanto puerilità dell'anima semplice e basta.


lunedì 5 febbraio 2018

un lunedì

un lunedì è come una pagina bianca, di un quaderno nuovo quando appena lo apri ti trovi questa pagina bianca davanti...
e non sai come lo riempirai, ma certamente lo farai.
in fondo ogni lunedì è come un nuovo inizio.

specie se hai alle spalle un intenso weekend ahah !! come quelli che faccio io !

bene comunque tutto bene ed è uno splendido lunedì, se si può considerare splendido un lunedì...

ed ora..andiamo a scrivere !

giovedì 1 febbraio 2018

libro di viaggio

leggo un libro di viaggio.
un viaggio lento.
l'ha scritto uno che non conosco, poi sul risvolto di copertina leggo che ha più o meno l'età di mio figlio grande...mi prende un colpo perché denota una maturità di parecchi anni di più.
è un viaggio su un barchino in un canale navigabile in piena pianura padana.
posto caro al mio cuore chissà perché. sono posti che mi piacciono ecco.
c'è pure menzionata una città da dove in primavera partirò per una gita in bici.. una città che ho già visitato, una di quelle belle città di provincia italiane meravigliose, sia per l'arte che racchiudono sia per il lento scorrere della vita sia per la piacevolezza delle persone che le abitano...
insomma questo libro di viaggio me lo sto godendo a piccoli pezzi, ogni giorno un pezzettino..come si dovrebbe fare leggendo. lentamente.

riporto una frase che mi è piaciuta e che corrisponde alla realtà. anche moltissimi anni dopo che è stata scritta.

"E' strano che nei viaggi marittimi, dove non c'è nulla da vedere se non cielo e mare, gli uomini tengano diari; ma nei viaggi terrestri, dove c'è tanto da osservare, per lo più omettano di tenerne" scriveva Bacone quattrocento anni fa."