...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


martedì 4 luglio 2017

Romanzi - Jane Austen

Jane Austen in salsa Bollywood.  :-o !!

Sconcertata. Molto sconcertata. Ma poi la fredda osservazione di consumata fruitrice di cinema mi ha fatto riprendere.

Il mio primo film Bolliwodiano… bello indubbiamente così rutilante di colori e forme e di danze mai priva viste e questa contaminazione davvero sconvolgente tra ritmi antichi e tempi musicali modernissimi e sincopati !!
E le mossette e i sorrisini e i temi sdolcinati e le pose da fotoromanzo e gli interpreti principali della melensa storia d’amore così tanto europei nei tratti somatici… ma dov’è l’India di Waters dello yoga della spiritualità dove è finita ? Questo è un cinema che rispecchia la realtà indiana di oggi ? Dove emergono madri interessate solo a sposare le figlie al più ricco… e le pire con le vedove sacrificate allora non ci sono più? E le ragazze violentate non ci sono ?
Ma questa adorazione per il matrimonio quasi fosse un rito (ancora) sacro ..non so la trovo del tutto fuori luogo, vista con la nostra cultura (post-femminista).

Il film era proposto ieri sera nell’ambito di tre serate dedicate alla grande scrittrice Jane Austen. Della quale questo film ripropone uno dei romanzi, Matrimoni e pregiudizi.
Di Jane Austen sto leggendo Mansfield Park…
Ma in biblioteca mi hanno affibbiato una antologia di più di mille pagine contenente TUTTI i romanzi di questa autrice !! Magari un’occhiata agli altri gliela darò..anche se il libro non posso leggerlo che seduta ad un tavolo…


Sconcertante.. il film, ma interessante, senza dubbio.

7 commenti:

antonypoe ha detto...

oibò :)

nellabrezza ha detto...

In India nonostante le movenze sensuali delle ragazze, non è permesso ad uomini e donne di abbracciarsi, nelle danze. Pensa te...

antonypoe ha detto...

mentalità e tradizioni. ma ci sono anche in india ormai molte realtà diverse

Gus O. ha detto...

Non è scritto il titolo del film.
Ciao.

nellabrezza ha detto...

Sì l'ho scritto nella sestultima riga. Matrimoni e pregiudizi.

fulvio ha detto...

Ciao Nella,ho letto la Austen e trovo la sua fama è esagerata visti i suoi scritti.L'India si evolve come tutto l'oriente,solo noi viviamo,quasi, immobili nella nostra civiltà.
Ciao fulvio

nellabrezza ha detto...

Ha una squisita ironia ..che apprezzo. I dialoghi del film Ragione e sentimento li ho trovati splendidi, ma credo che questa sia la prima volta che la leggo...bisogna essere lettori di una certa calma ed esperienza per godere di una tale scrittura.. in quanto a noi non cambiamo perché siamo un popolo di vecchi. Non è certo il caso dell India..