...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


martedì 8 settembre 2015

Cimitero

Mia madre ha voluto che la portassi al cimitero. Non perché lei non sapesse arrivarci ma perché 
arrivarci è un' impresa. Una vera impresa.Anche trovare una tomba è un impresa. 

 Mio papà è lì,al Verano, l'antico cimitero monumentale di Roma, pieno di sculture e di edifici architettonicamente complessi ed interessanti, pieno di storia come ci si può aspettare. 

Al punto che vi si organizzano visite guidate.

Bisogna quasi traversare la città da dove abitiamo noi, perciò ho guidato io.

Per me era la prima volta dopo il funerale. Era una bella giornata di sole e comunque ci hanno fatto entrare con l' auto. Chi ha più di 65 anni può entrare con l auto. Abbiamo girato un po prima di trovare il lotto giusto ma ancor di più c è voluto per uscire, tanto è grande questo posto, e con mille viottoli e stradine, e colline e giravolte e belvederi.

Non fa affatto tristezza è anzi un luogo serenissimo di grande pace e dove l'animo si distende.

7 commenti:

antonypoe ha detto...

una coincidenza: ieri pensavo proprio ai cimiteri monumentali e ho scritto qualcosa al riguardo

leggerevolare ha detto...

sono anni che dico di voler andare a fare la visita guidata e ancora non ci riesco...

nellabrezza ha detto...

elisa possiamo andare a fare una passeggiata quando vuoi...ora che ci sono questi splendidi pomeriggi settembrini !!

nellabrezza ha detto...

antonypoe e cosa hai scritto ?? una volta a bologna ho visitato una mostra sul cimitero monumentale di lì.
ricordo che f. avrebbe voluto portarmi al cimitero di C...

fulvio ha detto...

Non frequento i cimiteri se non per la loro valenza artistico/ monumentale di molti.
I nostri cari defunti non sopravvivono sotto cumoli di terra,ma vivono nel nostro ricordo e nel nostro cuore.
Ciao,fulvio

nellabrezza ha detto...

Vero Fulvio. Ma non avevo visto ancora la sistemazione della foto. E' bello poi passeggiare al Verano.

antonypoe ha detto...

nulla d'interessante, temo. in ogni caso uno scritto difficile da spiegare