...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


sabato 1 febbraio 2014

L'eredità delle pecore - articolo di Michela Murgia

Caro babbo l'eredità delle pecore siamo noi figli


di Michela Murgia

in “La Stampa” del 29 gennaio 2014

L’avresti detto mai, o Babbo, che sarei diventato quello che sono?

Secondo me no, e a vedermi oggi ci sarai anche rimasto male.

Tu avevi già le idee decise per me: farmi studiare tanto, bene e proficuamente, come Gramsci, come

Asproni, come studia la gente ricca, che fa i figli dottori e le figlie professoresse contro l’invidia del

paese e contro il destino rigido dei figli dei pastori. Non importa se gli altri bambini portavano i

pantaloni corti fino a dodici anni.

Tu a me facevi già mettere quelli lunghi dei grandi, di velluto a righe e stretti in fondo, anche se

costavano di più. Mi avevi fatto fotografare con quelli addosso, in piedi vicino alla sedia del salotto,

quella dove in trent’anni si saranno sedute sei persone in tutto.

Io lo so perché mi hai fatto prendere quella fotografia, Babbo: in piedi vicino al fotografo tu mi

vedevi già seduto lì, un impiegato di concetto in pectore, un anticipo di quello che avresti voluto

che diventassi. Tuo figlio, certo. Ma anche uno studiato, uno che si guadagna il pane tenendo il culo

appoggiato a uno scranno. Dottore, avvocato, ragioniere, geometra, comunque signore. Non come

te, con la schiena rotta dalla zappa all’oliveto e in vigna. Non come te, con la pelle rigata dal sole

preso appresso al bestiame al monte.

I tuoi vicini credevano che tu fossi scemo, Babbo. Chi ha un figlio solo non lo manda a scuola,

sennò a seguire il bestiame e il terreno chi ci resta? I vecchi muoiono, ma le pecore restano e

qualcuno di casa per loro deve esserci.

Non sono le pecore l’eredità dei figli, ma i figli l’eredità delle pecore: questa è la regola da sempre e

guai a chi si crede l’eccezione.

Non ho mai capito il perché tu avessi deciso che l’eccezione dovessi essere io.

Non hai mai letto un libro in vita tua, Babbo, e certo non eri un uomo che avesse mai desiderato

essere più di quel che era. Eppure per me hai voluto sognare l’impossibile: libri, banchi, maestri,

diplomi, denaro e titoli, tutto quello che nella tua testa voleva dire rispetto, rispetto vero.

«Le vigne le incendiano, le pecore le rubano, se hai suscitato invidia te le sgarrettano, ma un dottore

è dottore comunque». Questo credevi e questo ho voluto credere anche io davanti ai tuoi occhi

fiduciosi di me. Per anni ce l’ho messa tutta, Babbo. Per anni non ti ho detto mai niente e del resto

che senso avrebbe avuto? Le tue orecchie non mi hanno ascoltato mai. Tu avevi già deciso tutto ed

era un’offerta così ricca, così onerosa, che nessun altro figlio avrebbe rifiutato.

Avessi almeno avuto un fratello a cui scaricare addosso quella tua ansia di vedermi signore! Invece

c’ero solo io, un acrobata senza rete che cammina sul filo dei sogni di un altro. Mamma l’aveva

capito che non volevo studiare, ma lei era l’unica persona al mondo che ti temeva più di me e così

stemmo zitti in due.

Ho studiato, Babbo, proprio come volevi tu.

Mungevi le pecore alle 4 di notte, tosavi aiutato dai figli dei vicini e mentre facevi il formaggio

andavi dicendo che tuo figlio studiava da avvocato; ti prendevano per matto, Babbo, perché è una

ricchezza che non suona quella della conoscenza. Tu per qualche motivo misterioso l’avevi capito,

ma nessuno dei tuoi vicini poteva fare altrettanto, perché è gente che la distanza tra un povero e un

ricco l’ha sempre misurata in pecore. Io invece stavo a Cagliari con la testa china sui libri di diritto

civile e penale, e l’ho fatto per anni, tutti quelli che servivano.

Alla fine sono diventato avvocato davvero, Babbo, e quel giorno avrei voluto dirti che avevi ragione

tu, che studiare serve, ma tu non c’eri più da un anno e mezzo quando io mi sono laureato.

È un peccato, Babbo. La vita a volte ti fa scherzi brutti. Lo pensavo l’altro giorno camminando
verso il monte con il gregge. So che gli altri ridono e pensano: hai visto il figlio di Bissenti, laureato

per finire appresso alle bestie! Non sanno che chi ha imparato a riconoscere il confine silenzioso tra


la giustizia e la legge conosce anche la distanza che c’è tra gli uomini e quello che li determina. Non

hanno scienza né coscienza e la loro vita è già condanna sufficiente per il reato di essere nati.

I figli dei tuoi amici fanno l’unica cosa che gli hanno insegnato i loro padri ed è per questo che

stanno appresso alle pecore.

Io invece faccio l’unica che volevo fare ed è questo, non le pecore, che fa di me un pastore.

Nessun commento: