...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


martedì 4 febbraio 2014

Il pane di ieri - libro

è in un certo senso il frutto del counselling

ma già lo conoscevo. sebbene detesti anche prima di conoscerli i preti ed annessi, per un pregiudizio innato e naturale che ho, per lui sto facendo eccezione...
anche se la faccia di questo uomo non depone affatto a suo favore. una faccia da gran furbo. un carisma che passa attraverso la sua immagine fotografica. una faccia che dice molto di lui.

per ora parla solo di cose molto semplici e belle, nel suo libro. una specie di saggio sulle cose semplici.
poi vedremo.

frutto del counselling perchè inevitabilmente sono uscite fuori tante tematiche concernenti il cibo, la sua preparazione e somministrazione... per una donna italiana è difficile prescindere comunque dal cibo, in qualsiasi momento della vita direi...poi è anche all'origine del rapporto con la madre... insomma un sacco di roba .. nonostante il counselling si limiti alla risoluzione di problematiche molto circoscritte, inevitabilmente ciò di cui siamo fatti filtra lo stesso...

6 commenti:

Renata_ontanoverde ha detto...

e più avanti vai, più diventi consapevole di essere la somma di una miriade di influenze, che si sono radicate in te in modo insospettabile ed in modo talmente profondo, che è difficilissimo sradicare quelle negative...

nellabrezza ha detto...

...allora il miglioramento è impossibile, cara renata??

Coloratissimo ha detto...

Non ho letto il libro in questione,ma altri dello stesso autore e devo dire che gli ho trovati farciti di banalità,già scritte da altri.
Ciao,fulvio

nellabrezza ha detto...

veramente fulvio??! ah allora ho capito il tipo. eh le facce parlano... e spesso è proprio la prima impressione quella giusta.

Ele ha detto...

il titolo sembra carino. Preti e affini io li ho frequentati un bel pò (ho una zia suora..) e in genere son diffidente. Ma molto influenza il loro volto e il loro modo di essere. Se parla di cose semplici..allora posso sempre leggerlo..Per ora ne ho tanti sul comodino che aspettano buonini..ma più in là:-) Il cibo e la sua preparazione a me fanno sempre pensare a mia madre..a mia nonna..io cibo,la cucina,insomma,sono parte integrante e lo sfondo di quasi tutti i miei ricordi d'infanzia e non solo..:-)

nellabrezza ha detto...

La faccia di questo tipo è ...terribile. Io ci sento delle cose che...mi turba, ecco ! Puoi vederlo in internet penso. Per ora dice davvero cose molto semplici e belle che però sapevo già, non so se derivanti da altre letture o da mie personali riflessioni. Niente di veramente originale come mi attendevo. Sono proprio al capitoletto del cibo...è un librino esiguo comunque, finirà presto.