...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


lunedì 24 giugno 2013

gli ultimi due ponti in città...



"L'arco è stato disegnato dall'ingegnere Francesco Del Tosto. Per creare le sue ali bianche e le tre dimensioni ci sono voluti tre anni di lavoro e migliaia di disegni, passati non senza polemiche, e 15 milioni di euro "




"La struttura, che attraversa il Tevere collegando Foro Italico e quartiere Flaminio, è progettata dallo studio inglese Buro Happold, vincitore con Powell-Williams Architects del concorso di progettazione bandito dal Comune di Roma nel 2000. La progettazione esecutiva e la realizzazione delle opere è stata affidata alla società romana Consta-Consorzio stabile. Costo complessivo dell’opera: 8 milioni di euro"


...una buona cicerona non dovrebbe farsi trovare sprovvista di notizie. così tento di rimediare, per itinerario non programmato..
così come inaspettatao quella donna in procinto di cocomerata, che ci ha incrociato, e sorridendoci ci ha detto: "siete bellissimi !" due volte, chè non ci credevamo, eppure poi non mi sono stupita, nè sono arrossita.. perchè era vero.


5 commenti:

Ele ha detto...

urca..me li son persi entrambi!dovrò rimediare...:-)

pyperita ha detto...

Perché a me non capita mai? :)

stefanover ha detto...

belli, indubbiamente... da geometra li ammiro... ma a Roma... ??? nel contesto della "città eterna" ...mmmmmm che cappero centrano ??

nellabrezza ha detto...

stefano...sono inseriti in contesti non di "antica roma" nè medievali, o rinascimentali, ma di architetture "recenti" !!... parlo dei primi anni del novecento e anteguerra.. in stili che sono già storia dell'architettura. e comunque ora l'architettura si esprime così. ci sono altri ponti, quelli di calatrava a dublino e venezia, che presumibilmente sono stati ispiratori di questi..

nellabrezza ha detto...

e comunque ci sono entrati come mèta non programmata, improvvisata...