...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


giovedì 7 marzo 2013

un tranquillo giovedì...da paura

...era cominciato come un monotono giovedì...ma presto un enorme ingorgo sull'aurelia, la scelta di usare l'auto, visto che il consumo di benzina comunque per arrivare al treno si prospettava certo, la scelta di prendere via di brava (pittoresca carrareccia che attraversa i campi costeggiando la città da sud) e la successiva morte dell'auto - per la terza volta in queste settimane !! - lo hanno trasformato in un giorno piuttosto frizzante no?...

25 commenti:

endi ha detto...

qualche parolaccia a me sarebbe scappata!

stefanover ha detto...

amo... è tutta colpa di marchionne... se avevi una hyundai non sarebbe successo... tre spacchi in poche settimane è classico di mamma fiat !

costruite per rompersi, con obsolescenza programmata !!!

relaaaax !!!

Lorenzo ha detto...

Fai tua la massima dei piloti: "qualsiasi atterraggio da cui te ne vai con le tue gambe è un buon atterraggio".

Per la macchina, vai da un bravo meccanico e falla mettere a posto. Io sono rimasto a piedi per strada solo una volta, sono caduto dentro una voragine nascosta dalla neve e ho rotto una ruota (alle due di notte).

pyperita ha detto...

Ti capisco, e poi stamattina ci si è messa pure la pioggia a rendere ancora più difficile la situazione.

Old man ha detto...

in effetti oggi c'era più traffico del solito e quelle pioggerellina era fastidiosa, ma la morte dell'auto ... mi sembra proprio una sfiga :-(

leggerevolare ha detto...

io ho passato mesi così
partivo e non sapevo se sarei arrivata e come
dentro ti mette un'ansia da non poter dire e specificare fino a che non ti ci trovi...

e comunque quando non hai nessuno poi che ti viene a prendere è davvero difficile da gestire... sei solo con la tua cazzo di macchina che prima o poi ti molla per strada

fico no?!!

nellabrezza ha detto...

di bravi meccanici non ne conosco, poichè mio papà era il nostro meccanico...finchè ce l'ha fatta.
per fortuna ho delle persone di famiglia che mi possono aiutare, che io aiuto in altre occasioni e che ho aiutato finora, quindi mi sono fatta portare al lavoro e poi hanno portato l'auto allo stesso meccanico, poichè finora si è preso ben 450 euro e stiamo ancora così...
...anche tu proprietario di hunday ehhh!? ne conosco un altro...

sapete che vi dico ? viva gli asinelli! bisognerebbe recuperarli !

comunque vado con i mezzi, mi sembra di esser tornata sedicenne...poi si può anche chiacchierare con gli autisti...;-)

Lorenzo ha detto...

Appunto, trova un bravo meccanico. In mancanza di meglio, recati presso un concessionario ufficiale di quella marca di automobile.

Di solito nella polizza assicurativa è compresa la chiamata alla assistenza e il traino del veicolo al più vicino centro di assistenza. Controlla.

Le auto non si fermano cosi a caso, un evento catastrofico dovrebbe essere eccezionale, sempre se fai la manutenzione programmata.

nellabrezza ha detto...

il meccanico prescelto è concessionario fiat. comunque ora deve risolvere il problema che finora non ha risolto...
ho una polizza ristretta all'osso, non credo ci sia compresa l'assistenza, comunque ora chiedo al mio assicuratore..
l'auto sta facendo problemi da mesi, ma si ferma all'improvviso da circa tre settimane... l'ho portata subito dopo il verificarsi del problema.

Lorenzo ha detto...

Si ferma all'improvviso nel senso che si spegne?

nellabrezza ha detto...

sì, a cento all'ora o a due all'ora, si spegne. e si accende la spia che c'è un malfunzionamento elettronico... ora con ste centraline elettroniche del ciufolo ... trovare il guasto è difficilissimo. ha già cambiato un sensore... mah chissà ?...

Lorenzo ha detto...

Si appunto, stavo per scrivere che sembra un problema alla centralina elettronica. Trovare il guasto non è impossibile, basta cambiare la centralina. La macchina è in garanzia?

nellabrezza ha detto...

è che.... speravo di non doverla cambiare infatti. per risparmiare.
garanziaaa?! ma io sono una proletaria vera chettecrediii!?!? l'auto ha già 12 anni !! ben manu-tenuta.. ma sempre tanti sono !!

Lorenzo ha detto...

Allora sono abbastanza cavoli, la centralina costa un botto.

Ovviamente non sei una "proletaria", altrimenti non avresti l'auto, solo le braccia e i figli.

A me è successo lo stesso con lo scooter ma per fortuna aveva ancora il carburatore classico e me la sono cavata con un rappezzo.

Renata_ontanoverde ha detto...

accipicchia!!!! io quando ho posteggiato mi son resa conto che la gomma davanti era a terra!!!!!!!! roba da urlo!!! eppure la vw ha tenuto benissimo la strada...

stefanover ha detto...

mo lorenzo se ne intende pure di macchine oltre che di filosofia, politica, musica, computer...

un genio si aggira su bloggher !

Lorenzo ha detto...

Infatti mi intendo moderatamente di tutte quelle cose, quella di cui ne so di meno è la musica.

Un genio è qualcuno che precorre i tempi, mentre qui si tratta semplicemente di avere un po' di esperienza.

Certo, nella terra dei ciechi l'orbo è un re. Tradotto, posso capire che tu mi ritenga un genio, dal tuo punto di vista.

nellabrezza ha detto...

se ne intende ? ma sono tutti consigli di buonsenso, cose che già sapevo...
per inciso l'auto mi è stata regalata, dodici anni fa. da mia madre. non era un regalo spontaneo, è stata regalata per amore di equità di trattamento con mia sorella, che aveva avuto un regalo della stessa entità parecchi anni prima. senza che io lo sapessi.

Lorenzo ha detto...

Non è che cambi qualcosa rispetto alla centralina guasta se la macchina te l'hanno regalata per pareggiare i conti con la sorella infingarda. Per inciso, a me invece di pareggiare il conto hanno detto che andava bene cosi.

:)

Tornando al post, non era chiaro che tu sapessi la ragione del guasto.

nellabrezza ha detto...

quella era la risposta alla tua affermazione che se possiedo un'auto non sono una proletaria...

ho capito dall'inizio che potesse essere la centralina... ma non so quando potrà capirlo il meccanico.
in effetti volevo escluderla, solo per motivi di risparmio.
infatti mi sto già cercando di abituare alla totale esclusione dell'auto.

Lorenzo ha detto...

Ci sono due definizioni di "proletario", quella originaria che risale alla divisione dei cittadini romani per classi di censo e quella marxista.

1.
"Il significato latino del termine proletarius nasce da una condizione di povertà tale che non era possibile dare contributi allo stato, all'infuori dei loro stessi figli (proles)."

2.
"Chi non possiede alcun mezzo di produzione e, in cambio del salario, fornisce la propria forza-lavoro."

La definizione romana è precisa e significa che sotto un certo reddito annuo sei esentato da tasse e corve. La definizione marxista è ambigua perché fa riferimento ad un contesto sociale (quello degli inizi della rivoluzione industriale) che a distanza di duecento anni non esiste più. Per esempio per lavorare in un call center usi il telefono, quindi chiunque possieda un telefono possiede anche i "mezzi di produzione".

Lorenzo ha detto...

Io ho venduto la macchina e comprato uno scooter. Certo dipende dove devi andare.

nellabrezza ha detto...

lo scooter è escluso. sono troppo in là con l'età e poi sento freddo, piove... no. allora vado a piedi e con gli autobus.

un telefono non si può considerare strettamente un "mezzo di produzione" perchè produce solo un servizio. immagino che marx pensasse ad un bene materiale, ad un prodotto.

nellabrezza ha detto...

cioè mi spiego meglio: marx pensava a mezzi di produzione che potessero produrre un bene materiale.

lo scooter qui poi è molto pericoloso, la gente guida come pazza. non rispettano incroci, non vedono semafori rossi. o troppo lenti, quindi pericolosi, oppure troppo furbi e veloci, come preferisci.

Lorenzo ha detto...

Si lo scooter è pericoloso e si, prendi l'acqua e il freddo. L'unico vantaggio è il risparmio di tempo.