...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


lunedì 25 febbraio 2013

iacona e le donne


ieri sera ho visto il programma di iacona, sulle donne le tante donne ammazzate
dagli ex: ex-conviventi, ex-fidanzati, ex mariti...

molto interessante come programma, se non altro perchè in alcune realtà, non in italia
naturalmente, esistono programmi di recupero degli uomini o perlomeno di prevenzione, per quelli che sentono di stare prendendo una brutta strada, quando sentono che le donne con le parole li fanno a pezzi..
come iacona ha detto in questi centri fanno fare agli uomini ciò che loro non fanno mai e  le donne fanno sempre: parlare, autoanalizzarsi...!!

20 commenti:

Old man ha detto...

esistono anche in italia programmi di recupero di quel tipo, ancora pochi e poco diffusi per riuscire a controbilanciare un fenomeno che ha purtroppo radici profonde

leggerevolare ha detto...

infatti gli uomini non si mettono mai in discussione...

leggerevolare ha detto...

il dato vero più scorcentante è l'assenza della politica e quindi delle leggi e delle sovvenzioni che in Europa esistono da anni e anni e non si discutono... da destra a sinistra


noi invece con questo continuo litigare e la non ingovernabilità siamo totalmente assenti
creando un colpevole federalismo o forse dovrei dire feudalesimo

Old man ha detto...

@leggerevolare: non generalizzare :-)

Old man ha detto...

a tale proposito, segnalo per chi avesse la possibilità di partecipare (purtroppo è un giorno lavorativo),il 4 Mar 2013 ore 11-17 il Seminario "Il lato oscuro degli uomini"presso la Casa internazionale delle donne, il caffè letterario
Via della Lungara 19, Roma

E l'organizzaione MaschilPlurale con il suo interessante sito http://maschileplurale.it/

nellabrezza ha detto...

old ci sono stata in altre occasioni a questi seminari alla Casa delle donne, con drammatizzazione inclusa. Molto interessante. Ma penso che sia adatto ai maschi, a quelli che si sentono sempre lì sul labile confine...
Io ho fatto il mio lavoro di autocoscienza già tanti decenni fa, ai tempi dellle femministe...non so se qualcuno ricorderà..

nellabrezza ha detto...

Errata Corrige: per quelli che sono coscienti di essere su quel confine

leggerevolare ha detto...

non generalizzo è la verità e i risultati sono questi - inoltre sulla mia pelle ho provato proprio questo e questo testimonio

comunque interessante questa iniziativa della casa internazionale delle donne - non lo sapevo

Old man ha detto...

al di là della iniziativa della Casa delle donne (frequentata anche da donne un pò estremiste ... che come tutti gliestremismi non apprezzo) , direi più interessante l'organizzazione MaschilePlurale

Purtroppo temo che la maggior parte degli uomini che sono su quello che tu chiami "labile confine" non ne sono consapevoli. Ed in questo, perdonami, la colpa è anche delle donne

(io non faccio testo, sono stato picchiato :-) da una donna)

Old man ha detto...

al di là della iniziativa della Casa delle donne (frequentata anche da donne un pò estremiste ... che come tutti gliestremismi non apprezzo) , direi più interessante l'organizzazione MaschilePlurale

Purtroppo temo che la maggior parte degli uomini che sono su quello che tu chiami "labile confine" non ne sono consapevoli. Ed in questo, perdonami, la colpa è anche delle donne

(io non faccio testo, sono stato picchiato :-) da una donna)

nellabrezza ha detto...

se sei stato picchiato chissà cosa le avrai fatto !! dunque ipotizzo che anche tu sia su quel labile confine e non ne sei consapevole... e ora dirai che è colpa della tua donna ..

nellabrezza ha detto...

La Casa delle Donne è nata proprio in seguito a quell'estremismo, che tanta paura fa adesso come anni fa (?).
Era necessario allora, perchè dette una bella strigliata all'abnorme conformismo di allora. Forse oggi bisogna organizzarsi per l'autodifesa... anche MaschilePlurale mi fa pensare ad un...branco. Tanti maschi insieme si sentono infatti forti, molto forti.

nellabrezza ha detto...

sì sì ho notato che hai scritto "anche" da donne un pò estremiste... non ero d'accordo neanche io con le estremiste... ma ti ci spingono in quell'area. penso all'attuale ambito politico.

leggerevolare ha detto...

la sorella di una mia conoscente beve e picchia il marito che subisce in silenzio per vergogna - e il figlio adolescente vede e sente tutto

a causa di questo avranno entrambi problemi seri e gravi ma sono casi rari e comunque non ne faranno mai parola ad anima viva - purtroppo...

Old man ha detto...

@nellabrezza: si dice che la violenza sia l'ultimo rifugio degli incapaci, non è che se fatta dalle donne verso gli uomini sia meno sbagliata, non credi?
Qualunque cosa io abbia fatto, non giustifica la violenza.

@leggerevolare: capita anche questo, anche se ammetto che è meno frequente del contrario

nellabrezza ha detto...

@old: si può essere violentissimi anche senza alzare un dito...
posso immaginare che la reazione violenta di questa donna che ti ha picchiato sia stata originata da tue azioni e/o parole offensive, anche in modo indiretto.

certamente era l'ultimo rifugio, può essere che tu non le abbia dato altra possibilità.

come l'uomo che si sentiva fatto a pezzi dalle donne lei si è sentita fatta a pezzi da te.

keiko ha detto...

Mi chiedo: c'è davvero un lato oscuro negli uomini o è solamente timore di essere inadeguati di fronte ad una figura femminile che cambia e prende coscienza di se stessa?
E non dimentichiamo la piaga sotterrenea della violenza psicologica: non si vede, non si sente, molti avvocati consigliano addirittura di non denunciare, così come le forze dell'ordine. Uno schiaffo fa male, una violenza psicologica ancor di più e se poi non basta uccidono.

nellabrezza ha detto...

io li vedo molto impauriti. da tutto. da noi. sì anche da noi...

Old man ha detto...

@nellabrezza: la violenza non è mai giustificabile, mai. Può avere delle spiegazioni, delle motivazioni, ma niente più. La violenza è una sconfitta per chi la attua. Ovvio che una reazione dipende da una azione, ma se si segue all'indietro la catena, come per i ragazzini, non si arriva mai alla prima azione, al peccato originale. Ecco perchè bisogna essere in grado di fermare una eventuale escalation. Altrimenti si potrebbe dire che anche l'uomo che picchia la donna lo fa perchè provocato dalle sue azioni, e per questo giustificarlo!

Old man ha detto...

@Keiko: boh ... posso risponderti solo per me stesso, non ho un lato oscuro e non mi sento inadeguato di fronte ad una donna più di quanto lei si senta inadeguata di fronte a me.

E se una donna non denuncia una violenza subita, diventa complice di quella stessa violenza