...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


venerdì 29 giugno 2012

forte stella a porto ercole

un posto fantastico, suggestivo, magico...cioè lo è stato per me, quando li visitai,anni fa... e poi si aggiunse anche l'arte contemporanea per la prima volta, con enorme contrasto... un'esperienza unica!

giovedì 28 giugno 2012

fatti, e non parole


...per la serie "fatti e non parole"... perla serie "bando alle esitazioni",
per la serie "cogli l'attimo"...

i biglietti convenienti già presi
lo zaino leggero riempito di essenziale
tutta l'organizzazione casalinga definita ed approntata
mentre mi crogiolavo nella luce del'alba
pregustando ciò che sarebbe potuto accadere
arriva la telefonata dall'ospedale: mio padre di nuovo ricoverato.
non gravissimo,  ma sicuramente non risolvibile se non temporaneamente.

rabbia e furia sulle prime. perchè di nuovo sono inchiodata ai miei doveri.
che tutti confliggono, tutti !!, con i miei piaceri. tutti ma proprio tutti!
ed ogni giorno tutti mi chiamano a rispettarli.

e non c'è organizzazione che tenga, e non c'è disposizione d'animo che valga,
e non c'è desiderio e forza di volere, e non c'è costanza e non c'è tenacia che resista.

martedì 26 giugno 2012

il maestro

dice che siamo quasi nell'era dell'acquario http://it.wikipedia.org/wiki/Era_dell'Aquario
e che ben presto ci sarà un grande risveglio spirituale (ne avremmo un gran bisogno è vero!)
dice che tutto ciò che ci succede di importante accade per caso... (è vero soprattutto l'amore accade solo per caso...)
e che è inutile impegnarsi spasmodicamente.

spero abbia ragione. io lo voglio credere.

domande stupide

treno affollatissimo.
come sempre tocca rimanere sulla piattaforma, non c'è NESSUNA possibilità spaziale di muoversi più all'interno, negli scompartimenti affollati. non affollatissimi come le piattaforme.
dall'interno di uno,  una signora spinge (vanamente) le porte, stavolta di vetro basculanti, tipo saloon...
dove vuole mandarle, tentando di aprirle e passare non saprei, c'è la mia schiena addosso alle porte!
allora apre uno spiraglio e chiede "scende?" "nossignora non scendo ma dove (cazzo) posso andare, secondo lei, per farla passare ? non so dove mettermi ! attenda la fermata così si fa spazio..."
..."ehhh! ho chiesto solo se scendeva!!!" risponde offesa.

lunedì 25 giugno 2012

teatrini



la conoscenza virtuale, dopo quella personale, non ha più molta ragione di essere, come l'aveva prima, prima della conoscenza reale.

inoltre il rapporto mantenuto solo virtualmente mi dà oramai, nella babele di rappresentazioni in cui mi viene proposto, un certo disagio... perchè ogni ragionamento diventa non un confronto di idee, ma un approfondimento delle distanze. e non parlo di spazio.

ciò che vorrei capire è se questa ricerca delle diversità è davvero anche un dato di fatto che possa emergere anche di persona, nei fatti, nella realtà.. se l'unico modo "vero" o "più vero" di altri modi di conoscersi  che pensiamo di avere sia quello di stare faccia a faccia, e di parlarsi guardandosi negli occhi.

vedere, se c'è possibilità di vederla, la realtà. tutto qui ciò che chiedo.
perchè qui mi sperdo, e come in un teatro dell'assurdo, volutamente perpetrato, nessuna interpretazione sembra corrispondere al vero.


 

giovedì 21 giugno 2012

trovare un senso

tutte (ed altri)  che mi chiedono che senso abbia.
come se tutto dovesse avere un senso, in questo mondo ed in questa vita...
eppure forse questa cosa ce l'ha pure un senso, che magari è nascosto, chissà, l'essenziale non è sempre invisibile agli occhi ?
un senso che per ora non si è rivelato, un senso che maturerà e forse si svelerà, chissà, all'improvviso. quante volte è successo così, che ci cade all'improvviso il velo dagli occhi e capiamo tutto perchè vediamo tutto sotto una luce improvvisamente accecante ?
e poi questa continua ricerca di dover trovare un senso, concreto, realistico, o anche solo doverci trovare un ritorno... è sbagliato.  è antibuddista. facciamo ed andiamo come nel mare alla mercè delle maree e delle correnti poichè quasi nulla possiamo controllare..



comunque lo so, lo ammetto che vivere istintivamente è pericoloso, e non dà rientri "convenienti" o conteggiabili, ma alcuni ed alcune lo considerano l'unico modo di vivere che dia effettivamente qualcosa per cui valga la pena vivere.

mercoledì 20 giugno 2012

ricordiamarene

...posò la bici e saltò il fossato per andare a prendere sull'erta ripida quel bellissimo ramo di amarene,  un regalo prezioso per me, ricco di frutti splendenti, e rossi e splendenti come l'amore rosso e splendente..


...e millenni prima, lasciate al sole per giorni e giorni, nei barattoli di vetro, con lo zucchero che si scioglieva a poco a poco, e le bollicine nello sciroppo...e non si poteva mica assaggiarle, no! erano tabù. solo alla fine di mesi e mesi di attesa, come tutte le cose belle e buone che le mamme preparavano.

lunedì 18 giugno 2012

rimorchio selvaggio

proprio stamattina al Ruggito del Coniglio intervenivano gli ascoltatori, a raccontare divertenti episodi di "rimorchio" selvaggio capitati.

ad una certa, nel pomeriggio, mi arriva una chiamata da un numero sconosciuto. ma non me ne sono neanche accorta...  quando l'ho visto poi lo squillo, ho chiamato curiosa... magari qualche amica depennata dalla rubrica per assenze troppo prolungate chissà... ?

invece dopo la risposta, cioè l'apertura della comunicazione, si sentivano voci in sottofondo, familiari, ma nessuna voce rispondeva ai miei "pronto"..

riattacco e dopo un pò arriva un sms: "ciao bambola k 6?"
"no scusa" ho risposto, "makkì 6 tu?? hai chiamato tu e chi ti ha dato il mio numero ???"
"sono luca e tu chi sei ? e come va ?"

"ma sei luca g...? e se non lo sei,  mi sa k hai sbagliato numero e ciao eh!?"

"...e da un po k sono a letto volevo sentire qulcuno o avuto un incidente o fatto il tuo num a caso..."

insomma, almeno avesse saputo ed esercitato la grammatica, avrei anche fatto un'opera buona, dare ascolto agli ammalati.

insalatina


ho oramai raggiunto quella zona della vita (degli over 50?) in cui si prova infinito piacere a strappare delicatamente, per ore, le erbacce cresciute in mezzo alla fresca insalatina da taglio, che condita semplicemente con sale ed olio xtrav, ed a voler essere proprio eccentrici anche con qualche goccia di aceto di vino, bianco!  siamo sicuri rappresenti la quintessenza delle specialità gastronomiche di cui il mondo ci fa dono...

sabato 16 giugno 2012

l'estranea



invece di starmene nella frescura ombrosa di casa mia, a leggere questo stupendo libro appena preso in biblioteca, oggi, che fa il primo incredibile caldo estivo vero, mi sono presa un impegno di lavoro volontario, che mi potevo tranquillamente risparmiare... ma il senso del dovere mi attanaglia, e non voglio dar buca...vado, molto a malincuore ma vado...nella canicola di un sabato pomeriggio cittadino deserto...beh magari ne uscirà lo stesso qualcosa di buono. sempre c'è qualcosa di buono, in ogni cosa !!!

venerdì 15 giugno 2012

1+1

ha detto il maestro: "per vivere bene ogni giorno bisogna farsi una risata ed una sudata"

martedì 12 giugno 2012

avant guarde

effettivamente io voglio guardare solo avanti.
non voglio rimuginare più sul passato.
magari questo sembra essere una leggerezza, una forma di vacuità
... non so... può essere spiegata anche così.

sono come sono oggi essendo il risultato del passato, ne sono conscia.
che è dentro di me e che mi ha fatta così.
e il passato e tutto ciò che è stato non si può cambiare più.
è un dato di fatto acquisito.
forse possiamo agire sul presente, forse sul futuro... ma il passato
bisogna lasciarselo alle spalle.

poi ho rimuginato tutta  la vita, anche troppo, e mi son lasciata ancorare a situazioni che
non amavo particolarmente nell'ideadi non poterne uscire, o che mi fossero necessarie.

oggi è diverso.

oggi voglio essere "leggera". nel senso di non avere troppi bagagli sì, e non esser più ancorata a nulla.

oggi voglio sì solo guardare avanti per il tempo che mi resta,
prezioso più che mai

lunedì 11 giugno 2012

ai colleghi




L’INSALATINA CHE MANGERETE OGGI, ASSOLUTAMENTE BIOLOGICA, SEMINATA - CON AMORE - OTTO / DIECI GIORNI FA, E COLTA IERI POMERIGGIO PER LA PRIMA VOLTA,  E’ UN MISCUGLIO DI DIVERSE ERBE, ENDIVIA RICCIA, BORRAGINE, SCAROLA, CERFOGLIO , ERBA STELLA, CICORIA, SEDANO E RUCOLA. ALCUNE DI QUESTE SONO ERBE AROMATICHE PER CUI NOTERETE UN SAPORINO DECISO.

E’ UN ALIMENTO ESTREMAMENTE DELICATO CHE VA MANGIATO APPENA COLTO O ENTRO POCHE ORE DALLA RACCOLTA.
QUESTA MATTINA L’HO  LAVATO PER TOGLIERE LA POLVERE,
UNA SOLA VOLTA, MA E’ COMUNQUE UN CIBO PULITO.

L’ESTREMA DELICATEZZA DELLE FOGLIOLINE FA SI’ CHE LA POCA UMIDITA’ RIMASTA TRA DI ESSE LE DETERIORI IN POCHE ORE, quindi mangiatela TUTTA !!

 E BUON APPETITO...


E.

venerdì 8 giugno 2012

a naso...

...il naso ha detto "no !"...

ehi ! - gli ho detto - la pianti? ricordi come è andata l'ultima volta ? te ne sei stato zitto zitto eh?  sulle prime non hai detto proprio nulla nulla... poi eri entusiasta... ma invece poi hai visto com'è finita? 'a nasooo, ti sembra normale che io debba interpellarti per primo ??


tuttavia come si fa a non dar retta al proprio naso ?

giovedì 7 giugno 2012

il Potere

“Ettore Gotti Tedeschi  (ex presidente della banca vaticana) temeva di essere ucciso e aveva preparato – come polizza sulla vita – un memoriale sui i segreti dello IOR. L’ex presidente della cosiddetta banca vaticana, dal settembre 2009 al maggio 2012, aveva consegnato un paio di esemplari del dossier agli amici più fidati, con una postilla a voce: “Se mi ammazzano, qui dentro c’è la ragione della mia morte”. Martedì scorso, una copia del dossier sullo IOR è stata trovata dagli uomini del capitano Pietro Raiola Pescarini, il comandante del Nucleo Operativo del NOE, quando i Carabinieri dell’ambiente hanno perquisito l’abitazione di Gotti su delega della Procura di Napoli.


Si potrebbe pensare a un eccesso di preoccupazione dettata dallo stress se non fosse per i precedenti sinistri. Gotti Tedeschi era soprannominato “il banchiere del Papa” e temeva di fare la fine del “banchiere di Dio”: Roberto Calvi, ucciso e impiccato con una messinscena al ponte dei Frati neri di Londra. Negli ultimi mesi Gotti Tedeschi aveva assoldato una scorta privata e si era rivolto a un’agenzia di investigazione per avere protezione. Sapeva bene però che i vigilantes non rappresentavano per lui una garanzia di sopravvivenza. La sua polizza sulla vita erano le carte che aveva maneggiato, i segreti che custodiva. Per questa ragione aveva stilato il memoriale. Non immaginava però che sarebbe finito nelle mani della giustizia italiana.”


da Il Fatto Quotidiano, 7 giugno 2012

emilia ed emiliani



L'Emilia è quel pezzo di TERRA voluto da DIO per permettere agli uomini di costruire la FERRARI. Gli EMILIANI sono così. Devono fare una macchina? Loro ti fanno una FERRARI, una MASERATI o una LAMBORGHINI. Devono fare una moto? Loro costruiscono una DUCATI. Devono fare un formaggio? Loro si inventano il PARMIGIANO REGGIANO. Devono fare due spaghetti? Loro mettono in piedi la BARILLA. Devono farti un caffè? Loro ti fanno la SAECO. Devono trovare qualcuno che scriva canzoni? Loro ti fanno nascere gente come Dalla, Morandi, Vasco, Liga. Devono fare 4 piastrelle? Loro se ne escono con delle maioliche! Sono come i giapponesi,non si fermano, non si stancano, e se devono fare una cosa, a loro piace farla bene e bella, e utile a tutti. Ci saranno pietre da raccogliere dopo un terremoto?...Loro alla fine faranno cattedrali.(tratto da: Il Resto Del Carlino).

domenica 3 giugno 2012

sorridimi, è gratis !






effettivamente immergersi nel silenzio del verdissimo appennino umbro, tra gli alberi, i sentieri sterrati e le antiche case di pietra è piacevole.
effettivamente prendersi cura di sè, proprio attraverso pratiche di rilassamento, massaggi e cultura, e provare il piacere di prendersi cura di altri è originale.
effettivamente incontrare persone che sperano in un mondo migliore e fanno cose pratiche per arrivarci, e condividono saperi, e sono pronti a condividerne altri, è confortante.
effettivamente gustare un'ottima cucina esclusivamente biologica è grandioso...


tutto questo e molto altro lo potrete provare in qualsiasi momento tutti.
ad alcatraz.
sì, sarebbe bello farcisi rinchiudere.
http://www.alcatraz.it/