...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


martedì 18 dicembre 2012

chissà perchè ...gli animali

...chissà perchè accade che un giorno, improvvisamente, ti prende di aprirti ad una persona nuova, ti senti compresa, senti la disponibilità, l'affetto. e nella reciprocità del sentire, improvviso, inatteso, ti scopri trasportata a degli abbracci veri, al di là della distanza, della differenza, del fatto di non onoscersi.
è un vero mistero che si riproponga, che un sogno sembri improvvisamente prendere corpo, chissà per quale misteriosa ragione.
 
magari sarà solo un'illusione ..però il bello è nel credere in un sogno, e nel volerlo vivere, con gioia, con attenzione, con cura...e anche solo aver conosciuto alla fine sarà comunque stato bello, avrà avuto comunque un significato vitale.
 
 
parlavamo qualche sera fa con una blogger della eccessiva propensione, per molti e molte, verso gli animali, i nostri cari animali di casa, i nostri cari compagni di vita. propensione eccessiva che si manifesta quando li si predilige nei rapporti di convivenza, fino a fargli prendere il posto che dovrebbe spettare ad altri esseri umani.
 
c'è anche chi addirittura in uno sforzo ammirabile di sublimazione dei rapporti riesce a sentir cantare il semplice frutto  sul tavolo...
 
è vero che siamo in un momento difficile per tutti i rapporti....tuttavia io ancora resisto, e credo nei rapporti con le persone, senza sconfessare per nulla i nostri amici animali.
 
però, non umanizzandoli fino a dargli il ruolo di persone, così facendo snaturiamo anche loro !
 

7 commenti:

leggerevolare ha detto...

mi dispiace ma non sono d'accordo

già sò che abbiamo una visione diversa della cosa

Renata_ontanoverde ha detto...

C'è chi non vive senza palpiti d'amore, c'è chi invece ha dato tutto in una relazione e non ha voglia o si sente svuotato per iniziarne un'altra.

Gli animali hanno il potere di guarire le persone, se non avessi Mucia sarei in piena depressione.
Gli animali sanno dare e chiedono poco, ma concordo con te che bisogna dare loro la dimensione che spetta, senza trascurare per loro i nostri affetti o i nostri rapporti, ma questi devono ben valere!

luoghinonluoghi ha detto...

io consiglio sempre di credere nei sogni, perchè se non si crede più a quelli, non si crede più a nulla.. ciao

keiko ha detto...

Se si è stati profondamente delusi dagli uomini è normale amare un essere più umano ma con più zampe( o meno).
Non è una sostituzione. E' bisogno d'amore incondizionato, che purtroppo nell'uomo non esiste.
Sono d'accordo con te nel non farli diventare degli scimmiotttamenti di pupazzi: vestitini, cappellini o farli dormire sotto le coperte. Hanno diritto alla loro dignità di animale.
Ciao:))

Linda ha detto...

Non sono pupazzi, sono esseri viventi, e hanno bisogno di rispetto. Questo è sacrosanto.
E che riempiano il vuoto di chi ha tanto sofferto e di chi è solo, ci può stare, anzi meno male che riescono a farlo.
L'importante è, come noti tu, non ci facciano chiudere all'esterno e che non ci facciano non vedere la sofferenza umana, quella grave e tragica della gente, vicina e lontana, di un'umanità che soffre terribilmente.
Un abbraccio.

pyperita ha detto...

nell'amore c'è posto per tutti, come dici tu però gli animali non vanno snaturati, non devono riempire i nostri vuoti affettivi, ma arricchirci con la loro presenza.

stefanover ha detto...

sono contento che gli animali non vengano snaturati...
sono gli unici innocenti, sono gli unici fedeli (e non solo a se stessi), sono bellissimi, hanno una capacità d'amare a noi umani (??!! umani ??!!) sconosciuta, hanno un innato senso di abnegazione, di adattamento...
per quello si chiamano ANIMAli !!!