...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


giovedì 22 novembre 2012

Provocazioni



(ciò che si chiede all'arte è consapevolezza, dolorosa consapevolezza ?)


"Quante sono le donne uccise dalla violenza di genere in Italia? La realtà è che non esistono dati ufficiali. La fonte più attendibile è la lista compilata dallaCasa delle donne di Bologna, che attraverso le notizie della stampa aggiunge quasi quotidianamente un nome al triste bollettino.
Ricordare i numeri non è esercizio matematico: il 25 novembre è la Giornata mondiale della violenza sulle donne, moltissime sono le iniziative, scarso l'interesse legislativo concreto.
Ormai siamo a quota 103, una escalation : nel 2006 furono 101, nel 2007 107, nel 2008 112, nel 2009 119 e nel 2010 127...."
(huffpost italia: http://huff.to/105qsIF)

5 commenti:

Saziozero ha detto...

Argomento importante da dover discutere, ma come sempre chi di dovere latita, non rientra in campagna elettorale.

pyperita ha detto...

Non sono convinta che l'aumento delle pene attenuerebbe il fenomeno, dovrebbe cambiare la mentalità del possesso, la testa degli uomini.

leggerevolare ha detto...

ho capito solo adesso, rivedendo la foto del perchè delle colore rosso delle scarpe... avevo pensato istintivamente alla vanità delle donne e solo ora ne vedo ...il sangue

nellabrezza ha detto...

sono d'accordo con pyperita...tuttavia qui stiamo invece procedendo a grandi passi verso il medioevo. tra poco mi aspetto le pire in piazza...

nellabrezza ha detto...

sì elisa, questa è un'installazione artistica di grande impatto.
ora capisci che cosa è l'arte contemporanea ?? è lo stato d'animo che ti provoca, non solo contemplazione della bellezza di una stoffa o di un incarnato!!
finalmente sono riuscita a spiegartela...