...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


giovedì 8 novembre 2012

concert

ROMA


UNIVERS1TA CATTOLICA
dei sacro cuore

La S.V. è invitata mercoledì 7 novembre 2012, alle ore 21,00, nell'Auditorium dell'Università Cattolica,
per il concerto inaugurale della stagione 2012-13 de "1 Concerti del Mercoledì"
-
Direzione Artistica Prof. Pietro Bria e M. Alessandro De Luca - con il seguente programma:
ORCHESTRA SINFONICA GIOVANILEALESSIO ALLEGRINI, direttoreL.Y. Beethoven - Egmont, ouverture in fa minore op. 84E Schubert - Sinfonia n. 8 in si minore "Incompiuta" D. 759L.Y. Beethoven - Sinfonia n. 5 in do minore op. 67
LA DIREZIONE ........................................................
Il presente invito è valido per due persone, si prega di confermare al Servizio ManJstazioni entro lunedì 5 novembre 2012
R.S.V.P. - tel. 06 3015.571514074 fax 06 3051732

3 commenti:

leggerevolare ha detto...

un concerto gratuito è sempre buona cosa...

stefanover ha detto...

" Va a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo".
"Quando ritornerai a dirmi addio ti regalerò un segreto".
Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose.
"Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente" , disse.
" Nessuno vi ha addomesticato e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre.
Ma ne ho fatto il mio amico e ne ho fatto per me unica al mondo".
E le rose erano a disagio.
" Voi siete belle, ma siete vuote", disse ancora. " Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei
che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro, Perché è lei che ho riparato col paravento. Perché su di lei ho ucciso i bruchi (salvo due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato
lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa" E ritornò dalla volpe.
" Addio", disse.
"Addio", disse la volpe. "Ecco il mio segreto. E' molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi".
" L'essenziale è invisibile agli occhi", ripeté il piccolo principe, per ricordarselo.
" E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante".

nellabrezza ha detto...

il tempo che tu hai perduto per la tua rosa...

e seguire il cuore, sempre ?