...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


domenica 21 ottobre 2012

Pollicione


...Ero andata al cimitero con le mie due cugine maggiori... ma ben presto capivo che loro (che false!) erano venute fin lì non per visitare i nostri morti, ma solo per farsi la permanente !! infatti gli inservienti  facevano i parrucchieri come secondo lavoro, e persino negli intervalli del lavoro, svolto con estrema noncuranza.
Mentre mi indignavo sotto gli sguardi imbarazzati e colpevoli delle cugine tapine,  mi chino per un pizzicorino al piede e scopro che mi è cresciuto un ditino nuovo, come un ramo a lato del ditino del piede...(con un effetto estetico disastroso devo dire !) e dopo un pò scopro che il pollicione, il ditone mi sta diventano nero !! e  forse cadrà tra poco o mi dovrà essere amputato !! tuttavia ho già un altro dito del piede che mi è appena spuntato e cresciuto proprio davanti al secondo dito ... fa un pò schifo tutta 'sta crescita e decido di telefonare ad un ospedale, anzi, meglio a mia madre, che ben sa quale sia il miglior reparto di chirurgia...

E' la seconda volta in tutta la mia vita che sogno mia madre come un aiuto...
Ed è strano per me considerarla un aiuto nella mia vita, mentre buona parte della mia esistenza ho dovuto,
per difendermi dalla sua invadenza e prepotenza, combatterla.
Strana questa regressione allo stato di figlia...

Certo le dita dei piedi servono proprio a...camminare, andare avanti. E me ne spuntano di nuove...!! E per farmi tagliare le vecchie devo chiedere a chi rivolgermi proprio a mia madre.
Tutto molto simbolicamente chiaro in questo sogno, sì!!

P.S. non è il mio piede quello eh?!il mio piede è molto più elegante e sexi, ma adesso non ho tempo di farmi la foto.

6 commenti:

Alessandro Madeddu ha detto...

Quanto a sogni che presuppongono alimentazione pesante e sostanze psicotrope anche tu non scherzi :)

UnUomo.InCammino ha detto...

Per vivere bene è importante riuscire a voler bene alle nostre radici, al padre e alla madre, a comprenderli con tutti gli errori che possono aver umanamente compiuto.
Ecco, tornare a voler bene alle nostre radici è un sano atto di sano ed ecologico egoismo. Te lo auguro.

nellabrezza ha detto...

...in pochi giorni già sei il secondo uomo che mi definisce egoista.... per non parlare di tutti quegli altri prima.
sarà vero allora?

no, nessun cibo pesante, quasi solo vegetariana e nessuna sostanza, nè vino nè fumo...sono naturalmente così.

UnUomo.InCammino ha detto...

Egoismo ha in questa cultura scioccamente moralista un'accezione negativa.
Secondo Osho l'egoismo è parte dell'umanità e se vissuto con intelligenza non solo diventa un fattore importante per una vita di qualità ma anche un attivatore di comportamenti ecologici e altruisti.
Una persona intelligente non può non essere intelligentemente egoista.

nellabrezza ha detto...

sono d'accordo con te che finora gli si è data sempre un'interpretazione negativa. ma per far sì che la serenità e la felicità siano contagiose, bisogna averne per primi noi stessi.
e ogni giorno con cura ed attenzione si definiscono e si accettano i limiti delle nostre libertà, i nostri e quelli altrui...

leggerevolare ha detto...

solo a metà racconto ho capito che era un sogno!!!.. mi hai fatto prendere un colpo!!

certo che il sogno più chiaro di così la strada non poteva dartela...