...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


venerdì 5 ottobre 2012

penso che sto tentando di fare ora, nella vecchiaia,
cioè nella tarda maturità, (cerchiamo di essere  buone con noi stesse!)
ciò che non ho mai fatto da giovane.
le pazzie per un uomo, le fughe romantiche e i batticuore eccetera..
e soprattutto le gelosie, anche ingiustificate...
tutta quella roba romantica insomma, che non mi sono mai concessa.
per troppa serietà, o forse anche per paura, per incertezze.
o perchè allora mi andava così.
a 16 anni ho avuto un amoretto bellissimo con un coetaneo,
brevissimo, il tempo di una estate... ma già a 17 avevo
un gruppo di amici, tutti più grandi di me, con cui nel tempo libero,
studiavamo Il Capitale di Marx, anzi la spiegazione applicata all'economia,
di un famoso docente universitario dell'epoca !!! 
a 17 anni !!
e poco dopo ho incontrato un uomo di dieci anni più vecchio di me,
senza il quale subito pensai di non poter  più vivere,
per cui lo sposai anche, dopo un lunghissimo periodo di attenta analisi
attesi anni per decidere, perchè era già un tratto del mio carattere non decidere solo sulla spinta emotiva dei primi tempi.
fummo dunque avvinti come l'edera, e il mondo maschile per me si chiuse,
fuori della sua frequentazione intendo. del resto gli altri uomini manco li vedevo,
e se mi guardavano loro, eccome se mi guardavano !! - distoglievo lo sguardo.
un rapporto intenso ti distoglie dal mondo, perchè i rapporti intensi vogliono il nostro tempo e la nostra attenzione, dunque non andai mai in discoteca per esempio ... fino ai 35 anni, quando già avevo due figli, e ci andai... con le amiche, tanto per cambiare,
mai con il compagno-marito, anche lui troppo serio e barboso e privo di vera
fantasia, e che alla fine mi ha veramente annoiato troppo.
bah, non è un quadro interessante, mi rendo conto. una come tante insomma.
beh, mi sono anche esposta troppo, per oggi ..
beh buon weekend.

14 commenti:

Maude ha detto...

Le emozioni sono sempre belle da vivere, non è mai troppo tardi, specialmente se si ha la sensazione di essersi persi qualcosa in passato.
Buon week end anche a te!

keiko ha detto...

Io ho avuto comitive, mare e gite, discoteche e amori di carta; mi sono sposata giovanissima eppure ho l'impressione che qualcosa mi sia sfuggito per sempre.
Credo sia l'età che ci fa guardare troppo indietro.
Un abbraccio:))!!

Renata_ontanoverde ha detto...

penso che ogni età abbia il "suo" tempo. se hai la necessità di sperimentare l'azione in un periodo in cui normalmente ci si aspetta una sicura routine quotidiana, è indispensabile che tu le faccia per considerare cosa vuoi veramente dalla vita.

tutte le esperienze sono un metro di misura per la nostra anima, per poter scegliere a mente serena cosa vogliamo veramente dalla nostra vita

sherazade ha detto...

Sono stata una 'cattiva ragazza' e sono andata in Molti posti. Non me ne pento neppure oggi a distanza di...tanti anni anche se spesso ceno da sola. E cmq Vivere fino in fondo anche partendo in ritardo, in discoteca neppure io non sono mai stata e oggi leggevo che sono in crisi con un meno 2o%. Dunque fai altre cose ;)
però un dubbio impertinente mi assilla ma 'lui' quando vi siete messi insieme era un adolescentissimo?

shera18annimenodelmioLuimacmqadultovaccinato

leggerevolare ha detto...

il problema è che quando il cuore parte ad una certa età matura... sono cazzi

nellabrezza ha detto...

quello che ho sposato era un uomo maturo ed affidabilissimo. quello di cui mi sono innamorata dopo, di recente, invece...tutto il contrario ! lo si può definire adolescente senza tema di sbagliare !

nellabrezza ha detto...

elisa il cuore parte sempre allo stesso modo ! e perchè non dovrebbe essere sempre lo stesso cuore fresco ed entusiasta?!?! così è bello!

pyperita ha detto...

Per essere originale dico che l'amore non ha età, nel senso che fortunatamente certe emozioni e sensaioni restano le stesse a 14 e a 40 anni. E anche dopo.

nellabrezza ha detto...

io sì, credo di essere molto innamorata dell'amore, e sarò sempre così...

ANGELO ha detto...

Io sto ancora aspettando SOTTO il FICO.

Lo sai che il frutto del PECCATO è il fico?
Cioè un FIORE commestibile.

Io ti posso spiegare tutto ... m atu preferisci scoprirli da te. ATTENTA all'albero nel CENTRO del ... già...r.DINO!

Cosimo Piovasco di Rondò ha detto...

Macchè tarda maturità del cavolo! Età consapevole si chiama!
Sai che lo stesso dubbio di Shera era venuto anche a me?... parlavi dei 17 anni e hai scritto "subito dopo ho incontrato..." e mi sono immaginato avesse sette anni... la cosa mi lasciava un pelo perplesso...
bacioni, tuo
Cosimo

Mìgola ha detto...

Mi infilo qui da te in punta di piedi e subito propino vita mia ma mi sono riconosciuta moltissimo nella parte del post dove dici che gli altri uomini non esistevano..."un rapporto intenso ti distoglie dal mondo"...la mia metà ed io siamo insieme da quando avevamo diciotto anni e ancora adesso ho questa sensazione, eppure di anni ne sono passati!
I sentimenti restano giovani per fortuna pensa che tristezza se si arruginissero pure loro! Un saluto!

nellabrezza ha detto...

Caro Cosimo ho fatto un errore macroscopico, che ora ho corretto.
Mi piace che tu la definisca "età consapevole"... di se stessi, di ciò cui veramente teniamo, o vogliamo, liberi forse finalmente da progetti ed esistenze di altri...

UnUomo.InCammino ha detto...

Mh.
10 anni di differenza.
Penso che alla fine non sia così importante: in codesto caso la maturità iniziale si è trasformata in vita barbosa, come scrivi.
Ma se avessi scelto uno scapigliato dopo un tot di anni forse avresti desiderato sopra ogni cosa un uomo posato che potesse condividere con te il desiderio per soavità, stabilità, etc. .

O no!?