...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


lunedì 17 settembre 2012

Regge ed acque

 quella vera, nel crepuscolo...
e quella ricostruita in scala.

C'è una piccola discrepanza nella simmetria delle finestre, e nel loro numero,prontamente fatta notare al modellista, un signore che si diletta nel modellismo (fedele), dal sagace spirito di osservazione di A.
La discrepanza si spiega con il fatto che il ricostruttore ha operato sui disegni del progetto, mentre A ha studiato il modello dal vero...dunque forse in corso d'opera, nel 1700,  sarà intervenuta questa modifica sostanziale, per chissà quale accadimento o svista o scarsa precisione del muratore !

Il ricostruttore  ha rifatto in scala anche due antiche mulini ad acqua ed una torre per il sollevamento delle acque, di cui si può vedere il funzionamento alla perfezione, che anticamente (cioè fino al secolo scorso) funzionavano con la sola energia derivante dalla corrente del canale. Quando ancora il petrolio era di là da venire e l'energia non costava niente...solo che ci voleva più pazienza...
(questa è una segheria, pure alimentata dall'energia proveniente dall'acqua, purtroppo i mulini non li ho fotografati)
Quando ho visitato questa piccola mostra ho sentito di dover ringraziare questo signore, perchè tecniche e tecnologie antiche non andranno perse grazie alla sua passione di ricostruttore ma anche di ricercatore.
En passant mi mostra un altro esempio della sua passione,  di lavorare con il legno,  un bel tavolino artisticamente intagliato ed intarsiato tutto fatto con le sue mani... mi stupisce il legno, di una compattezza e morbidezza al tatto ed un colore naturale che non so riconoscere, tra i tipi di legno che conosco.
Mi spiega che si tratta di legno di pero, un pero vecchio di 100 anni !!! abbattuto per costruire delle case. Un delitto a mio giudizio.
Pensare ad un pero vecchio di 100 anni mi commuove quasi...perchè le piante che si comprano oggi nei vivai vivono sì e no 13-15 anni...tutta roba clonata, mentre le antiche specie scompaiono.

Un pero di 100 anni era un monumento e piuttosto che spazzarlo via bisognava costruirgliele attorno, le case!

per finire un mulino galleggiante, anticamente ancorato sul corso del Po:

3 commenti:

antonypoe ha detto...

interessante. ho scritto un post attinente. ciao

nellabrezza ha detto...

interessante ?!? ma se c'eri anche tuu !!

leggerevolare ha detto...

la galera... non si dovrebbe permettere questo
un pero di 500 anni

che bel posto!!