...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


mercoledì 4 luglio 2012

treni

ho un biglietto per un treno da fi a ro alle 19.30. una freccia. che va come il vento giusto?
45 minuti di ritardo quando arrivo in stazione, calda come l'inferno.
beh, porto pazienza, mi ficco in un ristorante e prendo un pò di frutta, meglio star leggeri con questo clima, compro un libro, inganno l'attesa pazientemente.
siamo alle 20.30 quando appare : 100 minuti di ritardo.
dopo poco 105.
e tutti gli altri treni provenienti a fi da nord hanno ritardi. mal comune mezzo gaudio.
ci sono altri treni diretti a roma, tra cui uno addirittura non altavelocità (io ho un biglietto alta velocità...)che intanto arrivano e ripartono per roma.
io li guardo, sia i treni che i tabelloni con gli orari un pò intontita lo ammetto.. ma dopo un pò
su suggerimento di una impiegata- ferroviera  che sta a dispensare consigli ai poveretti viaggiatori visibilmente frastornati, vado al desk dell'alta velocità, - desk dedicato cazzo! le cose o si fanno bene o non si fanno per niente, proprio dedicato alle altavelocità ! - e chiedo di poter cambiare treno, di poter prendere uno di quei treni che hanno "sorpassato" il mio, non so per quale inspiegabile miracolo della tecnica...chè sorpassare sui binari deve essere un pò difficoltoso credo, ma forse han fatto dei binari paralleli appositi ? - l'impiegato al desk scuote sconsolato la testa: "eh mi spiace, ma lei ha preso un'offerta, mica può cambiare...ma non si preoccupi, tra cinque minuti al massimo il suo treno arriva, vede? partono uno dopo l'altro e arrivano a roma uno dopo l'altro. vada vada! " (del resto c'è una fila di passeggeri al desk...sgomberare e avanti un altro!)
alle nove e 20, un paio d'ore circa di ritardo, anche se sul tabellone non appare 120, non aggiornano più i ritardi, forse perchè è iniziata la partita del campionato europeo, mi dirigo di nuovo dal tizio, abbastanza disperata, ma decisa a rompere di nuovo i c...i.
lui mi ascolta prende il cellulare e telefona. cioè non consulta il computer no. lui telefona.
penso al macchinista del mio treno, sento che chiede "dove sei?". (dove sei?)
poi chiude la comunicazione e mi dice: "vede, ci ho provato, dice che il treno è in una galleria, tra bologna e firenze, ma non sa neppure lui bene dove sia, capisce, ha 10.000 passeggeri sul treno, poveraccio che deve fare ? mica gli si può chiedere l'impossibile"
io ascolto trasecolata. possibile che quest'uomo si sia permesso di telefonare al macchinista del treno? se è occupato con i diecimila passeggeri cristo santo, e poi quando si guida mica si può rispondere al cellulare no?
protesto debolmente: "ma mi scusi, come hanno fatto questi altri treni a sorpassare quel treno, il mio, quello per cui ho il biglietto?? lo vede stanno partendo tutti, perchè non mi lascia prendere quel treno
quello lì al binario 12 che è lo stesso un'altavelocità???"

stufo (?) mi dà il permesso. orale, mica scritto. mica mi mette un timbro, chessò, un "OK" scarabocchiato. no. mi dice vada vada. io pensavo di aver bisogno di una dispensa papale, per via del biglietto in offerta. invece no, quest'uomo ha davvero enormi poteri, e non sospettavo minimamente quanto lui potesse...
al capotreno tento di spiegare l'accaduto, ma lui sa già tutto, apparentemente, e mi lascia salire
SENZA NEPPURE GUARDARE IL BIGLIETTO !!

può accomodarsi dal vagone n. 6 in poi.

prima del vagone n. 6 , semivuoto, ci sono 4 (QUATTRO) vagoni di prima classe.
vuoti. o con un passeggero dentro.
quattro vagoni di prima vuoti.
ed è già la seconda volta che ammiriamo la vuotezza dei vagoni di prima classe sconsolatamente vuoti. che programmazione eh !!? ben 4  mica uno o due...
avrò sognato tutto questo ? o si tratta di una normale domenica di caldo infernale e finale di campionato ?

7 commenti:

fracatz ha detto...

ma scusa, adessso c'è italo

keiko ha detto...

La telefonata al macchinista è surreale: per questo sono convinta che sia vera!!!
Ti aspettavi davvero qualcosa di diverso?!
Allora dovevi affittare un volo privato : )

Ti abbraccio

nellabrezza ha detto...

@frakatz: italo arriva a tiburtina... non mi era comodo. e poi avevo un'offerta fenomenale !
@keiko: volo ? privato ? per firenze? ... non mi aspettavo niente, anzi tutto ! sono pronta al peggio, in questi ultimi anni ho viaggiato spesso sui treni. volevo solo raccontare questo che mi sembra una storia alla durrenmatt ! per il resto non ho mai provato un volo privato. sono piuttosto spartana, disdegno persino la prima classe !

stefanover ha detto...

poi ti vengono a dire "LASCIATE A CASA LA MACCHINA"...

guarda sto meditando di comprarmi una VESPA... o una motoretta...

piccolo cabotaggio, lento ma sicuro !

keiko ha detto...

Era per dire che non ci dobbiamo stupire di nulla: venti giorni fa' sul Firenze Roma sosta senza motivazione in mezzo al nulla, aria condizionata spenta,finestrini bloccati e nessuna spiegazione neanche ore e ore dopo all'arrivo.
Forse una tempesta solare aveva spostato il triangolo delle Bermude e il macchinista ci era caduto dentro.
La prossima volta azzardo l'autostop.
Ciao e buona serata : )

nellabrezza ha detto...

@stefanover: mmhhh... allora meglio una bici no??!

@keiko: in effetti una volta sul treno si è come in prigione. penso che le porte siano bloccate. e NESSUNA COMUNICAZIONE. niente, hanno gli altoparlanti e non li usano. non è un paese civile, questo.

leggerevolare ha detto...

in questi casi dovrebbero lasciare i passeggeri che vadano nei vagoni di prima classe vuoti - in fondo se sono vuoti a loro che gli frega!! .. mah!!! divario sempre più grande tra poveri e ricchi