...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


martedì 22 maggio 2012

Proprio di fronte alla Villa Farnesina in Via della Longara, in Trastevere, sorge Palazzo Corsini,
(prospetto dalla parte del giardino) già villa della famiglia Riario, risalente al XV secolo, dove aveva soggiornato Michelangelo giovanissimo e che più tardi era stato residenza della Regina Cristina di Svezia (in una sala del primo piano c'è una lapide commemorativa). Quando nel 1736 l'edificio e il giardino furono acquistati dal cardinale fiorentino Neri Maria Corsini, nipote di Clemente XII, affidò i lavori di ristrutturazione del palazzo al conterraneo Ferdinando Fuga, che per il papa stava già lavorando al Palazzo del Quirinale e al Palazzo della Consulta. Fuga trasformò la piccola villa suburbana dei Riario in una vera e propria reggia, raddoppiando l'estensione della facciata e ovviando alla notevole larghezza con l'aggiunta di dieci lesene giganti, più addensate in corrispondenza dell'asse centrale. Più movimentata è la facciata posteriore, rivolta verso i vastissimi giardini, con tre corpi di fabbrica aggettanti, di cui quello centrale, occupato dal monumentale scalone,
e copia esatta di quello di Versailles, è uno dei più belli di Roma. Lo scalone, con le sue grandi finestre, funge anche da belvedere panoramico sui giardini, posti in pendenza sul colle del Gianicolo. All'interno del palazzo
sono oggi collocate la Galleria Corsini (opere di Beato Angelico,Caravaggio, Rubens, Ribera, Luca Giordano, Mattia Preti, Salvator Rosa) e la sede dell'Accademia dei Lincei
con la relativa Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Biblioteca Corsiniana,
donata nel 1883 dal Principe Tommaso Corsini all’Accademia stessa, insieme alla preziosa e copiosa raccolta di stampe che in futuro costituirà il nucleo dell’Istituto Nazionale della Grafica. Nel giardino ha sede l’Orto botanico di Roma . Ora, non contenti di tutta questa magnificenza, e del prezzo irrisorio del biglietto per vedere sì tanti capolavori, lo scorso weekend questa è stata la sede di una mostra florovivaistica e di una mostra sulle gemme ed i minerali dell'Università La Sapienza.... non sapevo cosa guardare. una full immersion nella bellezza dell'arte, della natura, dell'architettura ... ero senza parole. Davvero questa città ne ha a bizzeffe per tutti !!

Nessun commento: