...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


lunedì 7 maggio 2012

ideona !

tanto oramai tutti più o meno abbiamo un disoccupato in famiglia.... così come un malato di cancro.

lo so, è una cosa brutta da dire, ma guardiamoci intorno e realizzeremo che è vero...

tuttavia è una bella trovata. io ci sto.

2 commenti:

Renata_ontanoverde ha detto...

La signora renata ontanoverde cicciogattosa risponde :)

sull'esodo, avendo vissuto sulla pelle mia e dei miei, non ho letto molto.
Anna Maria Mori la conosco, ed ho letto il suo libro Nata in Istria, ma lo storico non lo conoscevo.

A te che ti appassioni, consiglio di leggere i libri di un mio parente, Fulvio Tomizza (sua madre e mia nonna erano prime cugine;)
"Materada" (il suo paese d'origine) e "La ragazza di Petrovia" (altro paese limitrofo) sono emblematici del periodo. Ha un'ottima scrittura, nascendo come giornalista, ha uno stile scorrevole e coinvolgente. Rimarchevole anche "La città di Miriam" (su Trieste) che si divide in tre capitoli se ben ricordo.

Buona lettura ;)

nellabrezza ha detto...

sì, tomizza mi era già stato consigliato da S. la mia amica slovena-italiana di Trieste...che non ho mica capito quanto sia italiana o slovena eh?!
davvero sei una lontana parente?
càspita!...lo leggerò sicuramente.
grazie delle indicazioni.
ho già letto anche Scipio Slataper, Il mio Carso, durante un viaggio in treno. molto interessante linguisticamente...