...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


sabato 5 maggio 2012

film

il film di stasera era L'altra verità, di Ken Loach... film duro, come spesso quelli di Loach. che mette sempre il dito nella piaga, non si compiace di girarci intorno, ai problemi.

"l'altra verità è quella inutile che si ottiene con la tortura, per cui la vittima è disposta ad ammettere ciò che l'aguzzino vuole sentire" leggo in una critica... ma non è un film sulla tortura, o non solo. è un film sulla guerra, in iraq, . ma anche sull'amicizia, e sul perdere se stessi, la propria umanità, per denaro.
il film dimostra che chi viene a contatto con la guerra non è più la stessa persona, viene in qualche modo danneggiata dallo stress emotivo e psichico. sebbene queste persone abbiano scelto di esserci coinvolte per denaro ("siamo puttane criminali che si vendono e per denaro siamo pronte a qualsiasi efferatezza")
il protagonista dopo aver sperimentato lui stesso la guerra ed i dannati sporchi affari economici che gli ruotano intorno, la rifiuta, e rifiuta di continuare a lavorarci, e fa giustizia da solo, dopo aver torturato ed avere ottenuto una (falsa) verità, uccide chi lui pensa possa essere il responsabile della morte del suo più caro amico. quindi l'altra verità può anche essere ogni altra verità possibile..

finisce male questo film. finisce che si getta nel fiume, ed annega pur sapendo nuotare...perchè non c'è
possibilità di vita normale, dopo aver dato la morte.

Nessun commento: