...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


mercoledì 29 febbraio 2012

sai linda...

sai linda ne conosco anche tanta di gente non si rende conto quando si alza, al mattino, della fortuna che sia anche proprio soltanto "alzarsi".

e non lo dico solo perchè stamattina sara, una bella e giovane ragazza mi ha preso la mano, mentre le passavo accanto al bar, per un desiderio di stabilire un piccolo contatto con qualcuno, anche se non poteva parlare, mentre era su una sedia a rotelle, totalmente incapace di muoversi,  imboccata dalla mamma a cucchiaini di panna dal maritozzo, un tipico dolce romano mattutino.

cioè non ci vuole sara per ricordarsi, ogni giorno, che ci alziamo perchè ancora possiamo farlo, perchè siamo vivi, e dovremmo essere grati di vivere....e oggi c'è il sole, un gran sole che scalda tutto... (anche troppo per i miei gusti freddi...) anche se sara può, nel suo mutismo ed immobilità, insegnarci ancora qualcosa, a noi viziatelli.

ciao e buona giornata!

(...azz! avrei avuto una carriera come pastore eh?)

2 commenti:

Linda ha detto...

In ufficio da me, c'è una collega che, da giorni, rompe che l'Ente non la fa passare da D1 a D3 e che lei, blabla e che lei blabla...e che l'Ente dovrebbe bla e bla
Che palle.
Prende quasi 2000 euro al mese, ha un contratto a tempo indetrm., fa quello che vuole, e parla pure. L'altro giorno le ho risposto male e le ho detto di farla finita.E che si andasse a lamentare fuori dalle balle.

nellabrezza ha detto...

bisogna forse sperimentare di non avere nulla per capire ciò che si ha.