...

"Non possedere
qualcosa che si desidera

è parte essenziale della felicità"


venerdì 30 dicembre 2011

carambola e stracciatella di mozzarella

I rarissimi giorni in cui debbo pensare soltanto a me per i cibi mi piace provare cose nuove.
Soprattutto senza ascoltare le sempiterne critiche maschili a tutto ciò che è nuovo, e che non vogliono provare, privi di spirito come sono i maschi. (Purtroppo vivo con tre maschi, e ne sento tutta la fatica... e tutti e tre purtroppo stanno sperimentando un'esperienza di fine di una relazione, per cui si può immaginare quanta solidarietà di sesso possano sviluppare...)

Oggi ho preso una "stracciatella" di mozzarella affogata nella panna,  e la carambola, frutto esotico che non ho mai assaggiato. Ora però non so come mangiarla, con o senza buccia, a fettine o spremuta...cerco nella rete...

4 commenti:

Linda ha detto...

Di questo frutto non so che dirti... magari va in nfusione e serve per farci un un té?

elenamaria ha detto...

Ci racconti cosa ci hai fatto?
Auguri....

leggerevolare ha detto...

mai sentita... allora poi ci fai sapere che sapore ha!!!

La stracciatella alla panna mi ricorda la burrata... buonaaaaaaa

baci cara - e tanta santa pazienza!!
uomini!!

nellabrezza ha detto...

allora... l'ho mangiato a fette, con tutta la buccia, sono bellissime le fettine ottenute, come delle stelle, si vede anche nella foto. non direi che avesse un sapore deciso.. forse non era a maturazione giusta. non era neppure dolce. non mi è piaciuto. ora aspetto qualche giorno per assaggiare il secondo, che forse maturerà meglio, mi sembra strano così poca dolcezza.

sì la stracciatella è come l'interno della burrata. ho fatto il pieno di colesterolo, oggi !